Life Barbie

Notizie

  • 14-02-2020
    Deframmentato un tratto fluviale di circa 18 km sul Torrente Enza

    In data 14 febbraio 2020 sono stati conclusi i lavori di costruzione di alcuni "passaggi per pesci" in corrispondenza di 6 barriere trasversali, nel Torrente Enza (SIC IT4030023). Conseguentemente sono iniziati i monitoraggi ittiologici volti alla verifica della funzionalità delle strutture. Dai primi dati sembrerebbe che i "passaggi per pesci" abbiano una buona funzione attrattiva per le specie ittiche che cercano di migrare verso monte. Ulteriori monitoraggi permetteranno di chiarire l'efficacia degli interventi di deframmentazione fluviale progettati e realizzati dall'Università di Parma e dai suoi consulenti tecnici.

  • 14-10-2019
    Recupero delle specie autoctone di barbo: i numeri del LIFE BARBIE

    Nel settembre 2019 si sono concluse le attività di rilascio in ambiente naturale di avannotti di barbo autoctono a rinforzo delle popolazioni esistenti o come intervento di reintroduzione (sensu IUCN). Con il rilascio di circa 30.000 avannotti di barbo comune e circa 20.000 di barbo canino i risultati attesi di progetto sono stati raggiunti. Solo i successivi monitoraggi ittiologici permetteranno però ai tecnici UNIPR di verificare l'efficacia delle azioni in termini di ritrovata consistenza delle popolazioni di barbo autoctono nei torrenti emiliani oggetto di studio LIFE BARBIE.

  • 02-08-2019
    Deframmentazione di un Tratto di Fiume Enza

    Sono stati avviati dall'Università di Parma dei lavori su un tratto di fiume Enza in corrispondenza di alcune barriere trasversali - in collaborazione con AIPO. Obiettivo degli interventi è quello di costruire delle "scale di risalita per pesci" e quindi riconnettere per la fauna ittica un tratto fluviale di circa 18 km in area di Interesse Comunitario. La frammentazione fluviale è infatti una delle principali minacce per la sopravvivenza delle specie ittiche autoctone. Sarà lasciata inalterata la barriera più a valle per cercare di bloccare la risalita di specie alloctone invasive dal Po. Parallelamente sono in corso le azioni di recupero/reintroduzione faunistica del barbo comune e barbo canino. Entro questa stagione riproduttiva si prevede di raggiungere i risultati progettuali (rilascio di circa 20.000 avannotti/specie in ambienti idonei).

  • 13-12-2018
    Idee e proposte per una gestione più sostenibile della risorsa idrica e per la valorizzazione del fiume Parma e del fiume Taro

    Nell'ambito delle attività del progetto Life Barbie e in collaborazione con il progetto Life SILIFFE stiamo organizzando un incontro avente ad oggetto la seguente tematica: "Idee e proposte per una gestione più sostenibile della risorsa idrica e per la valorizzazione del fiume Parma e del fiume Taro". Ne parliamo con istituzioni, associazioni e cittadini che operano sul territorio. Verrà anche illustrato lo stato di avanzamento delle azioni del progetto Life Barbie, con particolare riferimento all'ambito Taro, Parma, Po. Nell'occasione vi saranno anche interventi del progetto Life SILIFFE sul tema dell'indice di funzionalità fluviale come strumento di pianificazione per una buona gestione dell'ecosistema - Il caso del Fiume Sile. L'incontro si svolgerà nella giornata di giovedì 13 dicembre 2018, a Parma presso la Camera di commercio di Parma, in via Verdi, 2. clicca qui per il programma.

Il Progetto

Il progetto LIFE13 NAT/IT/001129 si pone come obiettivo primario la conservazione ed il recupero delle popolazioni autoctone di barbo in Emilia Romagna come strumento di tutela della naturalità fluviale ai sensi delle Direttive 1992/43/CE e 2000/60/CE. Il progetto ha preso avvio nel luglio 2014 ed avrà una durata quadriennale; è articolato in n°26 azioni specifiche sotto il coordinameno dell’Università di Parma.